Home Page‎ > ‎Associazione‎ > ‎Archivio‎ > ‎Relazioni gare‎ > ‎esordienti‎ > ‎

11

Gara           Crocetta vs San Giorgio   0 - 1  (tempi  2 - 3)
Migliore     Hachmaoui Yasser (capace di sostenere le azioni offensive con proprietà tecnica e astuzia, di appoggiare le iniziative dei compagni e di mettere in difficoltà nell'uno contro uno avversari nettamente superiori sotto il profilo atletico: ottimo) 
Commento: Prestazione generosa, tatticamente quasi perfetta e sfortunata per quanto concerne il risultato finale tradizionale. 
La superiorità fisica e la maggiore esperienza degli avversari sono state bene compensate dall'applicazione e dalla predisposizione al sacrificio e al sostegno dei compagni. Peccato per le poche ma importanti favorevoli occasioni non sfruttate a dovere, che ci avrebbero permesso di passare in vantaggio e di gestire la gara. I progressi di questo gruppo sono evidenti, sia sotto il profilo della prestazione di squadra sia sotto quello individuale. Si intravedono trame di gioco corale e movimenti senza palla in fase offensiva, diagonali e raddoppi in fase difensiva, e, finalmente, la capacità di giocare alla pari con avversari forti per l'intero incontro. Da migliorare: tecnica personale e conclusioni, specie quelle da media distanza.
Tutti i ragazzi meritano i complimenti per la prestazione offerta, coraggiosa ed emozionante.
Bravi.
Saverio

Gara                Valdruento vs Crocetta   6 - 1  (tempi  3 - 1)
Migliore          Piazza Federico (impegno e spunti non sono mancati, ma la mancanza di sostegno ne ha limitato l'efficacia e la pericolosità; freddo e preciso nella trasformazione del penalty guadagnato da Magnetti).
Commento:     Sconfitta meritata e senza attenuanti. Le nostre libellule sono incappate in una giornata storta, che ha coinvolto quasi tutti i partecipanti: troppo brutti per essere veri, soprattutto alla luce delle precedenti prestazioni, di livello nonostante i risultati negativi.
Al danno si aggiunge la beffa dell'infortunio di Giuseppe Francavilla (brutta infiammazione al tendine di Achille), che ci ha costretto a giocare in 10 (situazione a cui anche il Valdruento, sportivamente, si è immediatamente adeguato) e che ha visto uscire dalla gara uno dei polmoni della squadra. Inutile l'approfondimento tecnico, essendo sufficiente dire che in campo si sono visti, tutti insieme, gli errori che i ragazzi non avevano commesso nelle altre 3 gare, sia sotto il profilo tecnico tattico, sia sotto quello squisitamente psicologico (i ragazzi non hanno neppure tentato di opporsi agli avversari con grinta e determinazione). Da questa severa sconfitta, indipendentemente dalle numerose e importanti assenze, si deve imparare la lezione che, quando la giornata non è favorevole, la squadra deve giocare ad un livello di attenzione e concentrazione ancora superiore, alzando i livelli di determinazione e di gioco di squadra.
Alla prossima
Saverio
Comments